“Le grandi aziende farmaceutiche non saranno ritenute responsabili degli effetti collaterali del vaccino per il Covid-19”


“Le grandi aziende farmaceutiche non saranno ritenute responsabili degli effetti collaterali del vaccino per il Covid-19”.

Questa la conferma da parte di una grande azienda farmaceutica, l’ AstraZeneca che ha dichiarato che la sua azienda non può affrontare azioni legali o corrispondere di danni per eventuali effetti collaterali causati dal suo vaccino Covid. Le persone colpite non avranno opportunità di ricorrere legalmente.

AstraZeneca è una delle 25 aziende farmaceutiche di tutto il mondo che stanno già testando i loro vaccini Covid sull’uomo, in preparazione per iniettarlo su centinaia di milioni di persone.

Le aziende farmaceutiche sono pronte ad incassare ordini anche fino a £ 70 milioni. Negli ultimi sei mesi hanno appena registrato profitti eccezionali di $ 12,6 miliardi.

Ma nonostante il suo sano bilancio, AstraZeneca non è disposao a essere ritenuto responsabile di eventuali effetti collaterali del suo candidato al vaccino “fiducioso”.

In altre parole, la società è completamente protetta, o indennizzata, contro azioni legali da parte di persone a cui viene iniettato il vaccino e subiscono effetti negativi, indipendentemente da quanto siano gravi o di lunga durata.

Gli avvocati dello studio hanno richiesto la stipula di clausole in tal senso nei loro contratti con i paesi in cui AstraZeneca ha accettato di fornire il loro vaccino Covid.

La società afferma che, senza tali garanzie di indennità, non sarebbero incentivati ??a produrre il farmaco. E sembra che la maggior parte dei paesi abbia ceduto a questa richiesta.

Ecco le parole di Ruud Dobber, dirigente di AstraZeneca: “Nei contratti che abbiamo stipulato, chiediamo un risarcimento. Per la maggior parte dei paesi è accettabile assumersi quel rischio sulle spalle perché è nel loro interesse nazionale ”. Per “interesse nazionale“, leggi “interesse del governo”. Se ciò che sta accadendo è positivo per le persone reali dei paesi vaccinati è, a dir poco, una domanda aperta.

Dobber ha rifiutato di riferire quali sono i paesi che hanno ordinato il vaccino dell’azienda.

Al momento si è a conoscenza solo di un informazione certa: che il Regno Unito è stato impegnato in una spesa folle, ovvero 250 milioni di dosi da vari abiti della Big Pharma. L’America, nel frattempo, è molto più avanti della curva qui – hanno un quadro giuridico speciale in cui nessuna società farmaceutica deve affrontare azioni legali per gli effetti collaterali dei vaccini in caso di “emergenze di salute pubblica”.

Questa legislazione, nota come PREP Act, è stata il prodotto di un massiccio sforzo di lobby da parte dell’industria farmaceutica americana ed è stata introdotta nonostante la forte opposizione dei gruppi di consumatori. A meno che il produttore del vaccino non ti uccida o ti ferisca intenzionalmente – condotta dolosa – non puoi denunciarli.

Dobber ha anche aggiunto: “Questa è una situazione unica in cui noi come azienda semplicemente non possiamo correre il rischio se in … quattro anni il vaccino sta mostrando effetti collaterali” .

Chi paga?

Ci sono paesi che per fronteggiare i possibili pericoli hanno istituito dei fondi pubblici speciali per pagare e risarcire eventuali persone colpite dai danni del vaccino.

Gli Stati Uniti hanno un tale fondo, così come molti paesi europei tra cui Regno Unito, Germania, Svezia e Italia.


error: Contenuto protetto da Copyright