Furto d’auto con bottiglietta e non solo: attenzione!


Hai mai sentito parlare del furto d’auto con bottiglietta di plastica?

Anche i ladri di auto aggiornano continuamente le loro tecniche per effettuare il furto del veicolo con semplicità e senza correre rischi. L’ultima trovata criminale è la truffa del furto d’auto con bottiglietta incastrata tra la gomma e il parafango. Un trucchetto ingegnoso che si è rivelato molto efficace, permettendo ai malintenzionati di rubare diverse vetture in giro per l’Italia. Scopriremo come non farsi “fregare” dai ladri e come difendersi, tenendo al sicuro la nostra auto.

Furto auto con bottiglietta 1
Immagine Youtube

Aumenta il numero delle auto rubate ogni giorno In Italia (287), diminuisce la percentuale di ritrovamento (sotto la soglia del 40%). Nel 2019 sono state oltre 63mila i veicoli di cui si sono perse le tracce.

Il furto dell’auto però spesso può essere previsto perchè molti malviventi usano tecniche studiate per ingannare e impossessarsi del veicolo sotto gli occhi dello stesso proprietario.

Ti forniamo 4 esempi di tecniche di furti di macchine a cui dovrai prestare molta attenzione se non vuoi che la tua cara automobile finisca nelle mani di qualcun’altro.

1. Una moneta nella maniglia della portiera


Immagine Youtube

Uno degli stratagemmi più inventivi è sbloccare l’auto con l’ aiuto di una moneta. Un ladro inserisce una moneta nella maniglia della portiera dal lato passeggero, perché i conducenti raramente prestano attenzione a questa porta quando sono soli. Successivamente, quando il conducente chiude la macchina, la serratura del portachiavi funzionerà apparentemente, producendo il suono appropriato, ma la serratura centrale verrà bloccata dalla moneta e la macchina rimarrà aperta . Ecco perché vale la pena dare un’occhiata ad entrambe le serrature dell’auto dopo averla chiusa con telecomando.

2. Furto auto con bottiglia

Il furto d’auto con bottiglietta viene solitamente eseguito in un parcheggio semi-vuoto. Ed è molto semplice.

Un ladro inserisce una bottiglietta di plastica tra una gomma e un parafango dell’auto dal lato del passeggero, in modo che un guidatore non se ne accorga immediatamente. Quando il proprietario tornerà in macchina e inizierà a camminare, sentirà un forte e terribile rumore generato dalla bottiglia incastrata.
Quando ciò accade, il conducente, di solito, accosta su strada e si appresta a controllare cosa è successo. Questo è il momento in cui si verifica il furto d’auto con bottiglietta, perché il guidatore raramente spegnerà il motore e non porterà con sé chiavi e oggetti di valore per controllare la ruota o trovare la fonte del un rumore sconosciuto.
A quel punto, il ladro di auto entrerà nel mezzo e darà gas scappando via con il vostro veicolo.

3. Allarme “insopportabile”

Questo metodo viene solitamente utilizzato quando un’auto è parcheggiata in un cortile. I ladri lanciano oggetti contro l’auto che non la danneggiano, ma che attiveranno l’allarme. Durerà fino a quando il proprietario diventerà impaziente o i vicini inizieranno a lamentarsi, chiedendo silenzio.

Se il proprietario, a distanza, spegnerà l’allarme con telecomando, i ladri continueranno nuovamente a lanciare oggetti per riattivarlo a breve. Anche se non sono in grado di rubare la macchina in questione, saranno felici di rubarne una parte o un’altra, approfittando dell’eccessivo rumore per compiere il furto.

4. Borsa sul sedile del passeggero

Questo trucco viene di solito eseguito al semaforo e in luoghi senza folla. Si prevede che la maggior parte delle persone collochi e porti una borsa con denaro e documenti sul sedile del passeggero e non blocchi la portiera quando l’auto è in movimento.

Nel momento in cui il guidatore si fermerà ad un semaforo, il ladro si avvicinerà alla macchina e afferrerà la borsa aprendo la portiera del passeggero. Dopodiché, tutto va di solito secondo il piano del ladro: l’autista parcheggerà l’auto per correre dietro al ladro. Questo è il momento in cui l’auto viene rubata e portata via da un complice. Se le aspettative del ladro non si sono avverate e l’autista resterà in macchina, è probabile che l’autista stesso verrà contattato in seguito e gli verrà chiesto del denaro in cambio della borsa e dei documenti rubati.

Lo stesso schema viene utilizzato da mendicanti apparentemente innocui che arrivano al semaforo e vogliono venderti qualcosa o pulirti il vetro. Tentano di provocarti con lo scopo di farti uscire dall’auto, in modo che i loro complici possano rubare il veicolo o altri oggetti di valore.

Purtroppo i furti in genere sono escogitati da grandi professionisti ed è necessario tenersi aggiornati su tutte le nuove invenzioni. Ai furti d’auto infatti, seguono quelli in appartamento e vi possiamo assicurare che, anche per entrare nella vostra abitazione, usano escamotage originali e talvolta imprevedibili.

Al terzo posto tra i furti più frequenti, vi è quello dei dati: i “ladri del web” si impossessano delle vostre credenziali (nome, cognome, e-mail), tramite false e-mail o chiamate telefoniche, per poi accedere ai vostri conti corrente e svuotarli.

C’è stato mai qualcuno che ha cercato di rubare la tua macchina? Come sei riuscito a prevenire il furto? Condividilo nei commenti!

 


error: Contenuto protetto da Copyright