Non rispondete mai a questo numero…l’ultima truffa telefonica che svuota i conti e il credito telefonico


Il tempo delle truffe non è mai finito e non finirà mai poichè, i furbetti che vivono dietro ad un pc, per ingannare gli altri, ci saranno sempre. Da poco è stato lanciato un nuovo allarme  dalla Questura di Vicenza, anche grazie ad una nota postata sulla pagina di Facebook.

Di cosa stiamo parlando? Si tratta di Wangiri o PingCall, ovvero una nuova truffa, o meglio una nuova tecnica utilizzata da alcuni malintenzionati per truffare la gente telefonicamente, facendo squillare o effettuando delle chiamate a qualsiasi ora del giorno, anche di notte da numeri stranieri, con un prefisso specifico, ovvero lo +373 che esattamente risulta essere quello della Moldavia.

Rispondendo a questo numero, non troverete mai nessuno che parli ma, la chiamata resterà in attesa il maggior tempo possibile e voi starete lì aspettando che qualcuno vi dica il motivo per cui ha chiamato.

La truffa vera e propria si attiva nel momento in cui, una volta ricevuta la chiamata si vuol richiamare il numero, calando il vostro credito di 1,50 euro ogni 10 secondi. Dall’altro lato del cavo, ci saranno truffatori che grazie all’utilizzo di un pc riusciranno a contattare più numeri di telefono contemporaneamente in tutto il mondo. Dunque, chi chiama, non fa altro che contattare un numero a pagamento, e nel frattempo non si riuscirà ad ascoltare nulla se con l’audio di un film porno.

Il consiglio della Questura è quello di non richiamare alcun numero e di non rispondere vedendo sul display del telefono questo tipo di prefisso.
Diffidate, dunque, da qualsiasi telefonata strana ricevuta, non rispondete ma soprattutto non richiamate mai il numero, potrete ritrovarvi immediatamente il vostro credito prosciugato.

Ricordate inoltre di non dar mai informazioni personali telefonicamente, tranne se siete sicuri di parlare con enti sicuri, poichè, attraverso i vostri dati anagrafici, questi hackers sono in grado di accedere ai vostri conti e prosciugarli senza che voi ve ne accorgiate.


error: Contenuto protetto da Copyright