Codacons: Se hai meno di 60 anni e ti è stato somministrato il vaccino Astrazeneca, puoi richiedere il risarcimento fino a 10.000 euro


Dopo la grande bufera che ha coinvolto il vaccino Astrazeneca, gli italiani sono sempre più spaventati e alcuni non ritengono sia stata giusta l’imposizione di immunizzarsi con un siero non adatto alla loro età, mettendo a repentaglio la propria salute. Il vaccino Astrazeneca infatti, è stato da sempre raccomandato, per via degli effetti collaterali, solo agli over 60.

Per questo motivo, tutti coloro che hanno ricevuto il vaccino Astrazeneca e hanno meno di 60 anni, possono richiedere risarcimento.

Su iniziativa del Codacons, è possibile compilare una diffida e ottenere un risarcimento fino a 10.000€.

L’azione collettiva contro i continui ripensamenti del Ministero della Salute è nata dopo la tragica morte della diciottenne Camilla ed è rivolta anche a coloro che non hanno avuto danni o effetti collaterali in seguito alla somministrazione.

Risarcimento per un vaccino non adatto agli under 60

Notizie allarmanti anche in piena campagna vaccinale: sui giornali si susseguono aggiornamenti sui danni alla salute riportati da molti soggetti fruitori della vaccinazione Astrazeneca. Il Codacons interviene e mette a disposizione degli under-60 interessati una diffida per chiedere un risarcimento!

A oggi sono purtroppo numerosi gli eventi avversi, anche letali, riportati dai soggetti fruitori del vaccino Astrazeneca, in particolare quando trattasi di persone minori di 60 anni.

Per tutelare i consumatori e la popolazione che ha aderito alla campagna vaccinale contro il Covid-19, il Codacons ha avviato una doppia iniziativa:

-da una parte, ha chiesto l’iscrizione del Ministro Speranza e del generale Figliuolo nel registro dei reati, in seguito alla morte della giovanissima studentessa genovese, Camilla Canepa;

-dall’altra ha aperto una procedura per chiedere il risarcimento danni per coloro che hanno ricevuto il siero AstraZeneca successivamente sconsigliato per gli under 60.

L’azione risarcitoria – spiega Marco Ramadori, avvocato e presidente del Codacons – potrà toccare la cifra massima di 10.000€ e può essere promossa in tre casi distinti:

-risarcimento del danno non patrimoniale causato dalla paura di ammalarsi (anche per chi non ha avuto danni medicalmente accertati dopo la somministrazione);

-risarcimento del danno biologico – permanente o temporaneo – conseguente alla vaccinazione Astrazeneca;

-indennizzo a carico dello Stato per essere stato sottoposto a vaccinazione da cui è derivata la “menomazione psicofisica permanente da valutarsi e quantificarsi nel prosieguo” (previsto dalla legge 201/92).

Vaccino AstraZeneca: come chiedere il risarcimento

Chi volesse aderire all’iniziativa, deve scaricare il modulo di adesione alla diffida collettiva sul portale del Codacons, compilandolo in tutte le parti con i propri dati personali.

Ricordiamo che solo coloro che hanno MENO DI 60 ANNI, possono aderire alla richiesta di risarcimento che può arrivare fino a 10.000€, anche in assenza di conseguenze fisiche legate alla vaccinazione.

Infatti, nel nostro ordinamento, esiste una legge che prevede il diritto a ricevere un indennizzo dallo Strato “per chi subisce delle menomazioni o degli effetti collaterali permanenti in seguito alla vaccinazione ma anche per tutte le persone che vivono nel timore di ammalarsi o di avere effetti negativi sulla propria salute”, le parole del presidente Ramadori.

Ecco il modulo da compilare ed inoltrare a Codacons: MODULO


error: Contenuto protetto da Copyright