Bimbo di 2 mesi muore con 71 fratture costali: i genitori lo hanno scosso ripetutamente


Aveva solo 39 giorni di vita e il piccolo è stato dichiarato morto a causa delle sofferenze subite: 71 fratture costali. Secondo l’accusa, il piccolo sarebbe stato «scosso vigorosamente dai suoi genitori».

La vicenda è avvenuta a Bristol, nel Regno Unito. Come riporta Metro.co.uk, Sean Clark aveva solo 39 giorni quando è stato trovato morto nel suo lettino a casa di suo padre vicino a Bristol.

Secondo l’accusa, il bimbo sarebbe stato aggredito almeno tre volte durante la sua breve vita, riportando fratture costali e ferite alla testa, da uno dei suoi genitori James Clark, 31 anni o Helen Jeremy, 27 anni.

Secondo le ricostruzioni, Sean avrebbe subito gravi lesioni alle costole e poi sarebbe stato vittima di un attacco mortale tre giorni dopo. I pubblici ministeri sostengono che «la maggior parte delle prove indichi il padre di Sean come responsabile».

Jane Osborne QC, accusatrice, ha dichiarato alla giuria: «Le prove supportano anche che ci sia stato un secondo evento in precedenza che non era stato fatale e si era verificato oltre 48 ore prima della sua morte. Sappiamo dalle fratture costali che ci sono state almeno tre diverse occasioni in cui è stato causato un danno a questo bambino piccolo. Quelle ferite potrebbero essere state inflitte solo, secondo l’accusa, da uno o entrambi questi due imputati».

E conclude: «Si può trarre una conclusione logica e ragionevole che James Clark sia stato l’autore dell’evento fatale e, a causa della combinazione quasi identica di lesioni alle costole e lesioni alla testa, sarebbe anche l’autore dell’evento precedente il giovedì sera». Entrambi i genitori negano l’accusa di omicidio. Il processo continua.


error: Contenuto protetto da Copyright