Allarme di Ricciardi: la variante Delta contagia anche chi ha fatto due dosi di vaccino


Cresce la paura e la tensione per la variante Delta che ha preso il sopravvento in Italia e si teme che nelle prossime settimane, possa determinare un’ impennata dei contagi.

Ad affrontare questo argomento è lo stesso Walter Ricciardi, ordinario di Igiene e Medicina Preventiva e consigliere del ministro della Salute, che ha dichiarato: “La variante Delta buca perfino il doppio ciclo vaccinale nel senso che conferisce una certa protezione contro la malattia grave e l’ospedalizzazione ma purtroppo nel 30-35% dei casi determina infezione anche nei soggetti che hanno fatto la seconda dose di vaccino, figuriamoci una sola” per questo “Il Green Pass deve essere rilasciato solo dopo le due dosi” e bisogna “proseguire con test e tracciamento anche per i vaccinati”.

Ricciardi: “Green pass alla francese è una strategia adeguata”

Lo stesso Ricciardi si è detto favorevole al Green Pass così come stabilito dai francesi. “È assolutamente giusto portare questo modello in Italia. Bisogna fronteggiare questa quarta ondata, che è minacciosa”, ha dichiarato infatti il consigliere di Speranza, proseguendo: “Noi dobbiamo scegliere in base alle varianti che emergono, la variante Delta è una variante straordinariamente contagiosa e quindi c’è la necessità di prendere le misure più adeguata. Quella della Francia è una strategia adeguata”.

Oggi con la variante delta anche se sei vaccinato puoi essere infetto quindi bisogna proseguire con test e tracciamento anche per i vaccinati. Dobbiamo adattarci alle varianti, il vantaggio dei vaccinati è quello di non contrarre la malattia grave, ma testare e tracciare è fondamentale” ha aggiunto Riccardi, ricordando che “la necessita di queste misure deriva dal fatto che più esitiamo più lasciamo la possibilità al virus di selezionare varianti che non solo bucano il vaccino per l’infezione ma anche per la protezione “

Preoccupano le varianti Delta plus e lambda

Oggi noi stiamo guardando con grande cautela una variante delta plus in India e una variante lambda isolata in Perù che ci preoccupano molto, quindi vaccinarsi al più presto per evitare l’ospedalizzazione e la malattia ma anche per evitare altre varianti” ha sottolineato Ricciardi che è favorevole a un obbligo di vaccino anche per gli insegnanti simile a quello che è stato prevista per i medici.


error: Contenuto protetto da Copyright