Rimborsi fino a 300 euro a dicembre per gli italiani: per quali spese e come ottenerli


Da Dicembre scatteranno i rimborsi per tutti coloro che decideranno di effettuare la loro spesa tramite bancomat o carta di credito anzichè pagare in contanti. Questa scelta offrirà un rimborso fino a 300 euro.

Ritorna pertanto il piano“Italia Cashless” , ovvero la lotta al contante da parte del Governo. Questa volta però, introdurranno grosse novità e possibilità di ottenere rimborsi.

Ad oggi si tratta di una proposta allo studio ma già la notizia sta suscitando molto interesse.

Naturalmente il rimborso spetterà a chi avrà speso almeno 3.000 euro tramite pagamento pos e carta di credit e bancomat.

Qualsiasi spesa effettuata potrà rientrare tra quelle con diritto al rimborso: dalla spesa al supermercato a quello di abbigliamento, al ristorante, bar, ovunque.

L’obiettivo principale è quello di invogliare all’uso di sistemi elettronici anche per importi più bassi o minimi. All’estero è una cosa normale pagare un caffè con la carta di credito. Qui da noi questa mentalità ancora non si è radicata.

Ecco perché, nel frattempo, la lotta al contante sta generando anche la corsa degli operatori per convenzionare i negozi all’uso del pos. Il Governo sta valutando parallelamente un modo per rendere più agevole l’uso del pos per gli esercenti. L’ultima strada preferisce gli incentivi al taglio delle commissioni, o così sembrerebbe. Tornando ai micropagamenti, il bonus potrebbe scattare solo dopo un tot di operazioni. Da quella soglia, sarebbe riconosciuto il 10% della spesa, fino a 3.000 euro.

Il piano Italia cashless prevede anche detrazioni fiscali per le prestazioni pagate con carte e l’esenzione fiscale per chi usa i buoni pasto elettronici. Inoltre prosegue l’abbassamento della soglia dei contanti (che da gennaio 2022 dovrebbe scendere sotto i mille euro).


error: Contenuto protetto da Copyright