Maestra di 45 anni si uccide lanciandosi dal quinto piano: era convinta di avere il coronavirus


La paura di contrarre il Coronavirus è diventato il male della nostra società: pochi riescono a vivere tranquilli. Come affermava Giovanni Falcone: “L’importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio ma incoscienza“.

Un episodio di grave entità è accaduto poche ore fa a Colli Portuensi: un’ insegnante si è lanciata dal 5°piano della sua abitazione convinta di aver contratto il Coronavirus.

Per lei, purtroppo, non c’era però più nulla da fare.

Paura del Covid: si lancia dal 5° piano

Chiuso il giallo della donna trovata morta a Colli Portuensi da un passante ieri mattina. La signora, per la quale inizialmente si era ipotizzato un malore, si è lanciata dal quinto piano della sua abitazione, decidendo così di porre fine alla sua vita. Secondo quanto riportato da Il Messaggero si tratterebbe di una maestra d’asilo di 45 anni ossessionata dall’idea di aver contratto il coronavirus. Al marito, che aveva provato a calmarla durante il giorno, aveva detto che era sicura di avere il Covid-19. A nulla erano valse le rassicurazioni del medico: questo, unito al fatto che non sapeva quando sarebbe potuta tornare a lavorare, l’ha spinta in una spirale di disperazione e panico tali da spingerla a compiere il gesto estremo.

Non è chiaro se la donna soffrisse di depressione. Sempre ne Il Messaggero, si legge che non avrebbe avuto problemi psichiatrici e che la crisi sarebbe sopraggiunta con l’avvento della pandemia. Sotto shock il marito, che non si era reso inizialmente conto di cosa fosse accaduto. Dopo una notte insonne passata a cercare di calmarla, era convinto si fosse addormentata. E anche lui, sfinito, aveva ceduto al sonno. Verso le 7 lei si è alzata e si è lanciata dalla finestra. A trovare il corpo, un passante che ha dato l’allarme.


error: Contenuto protetto da Copyright