Raby, 3 anni morta perchè suo padre, stanco di pulirle la diarrea, l’ha costretta a sedersi nell’acqua bollente


Immagine:© The Sun

Aveva soli 3 anni la piccola Raby, il cui vero nome Rabiha, è morta a causa di gravissime ustioni perchè suo padre, stanco di pulirle la diarrea, l’ha immersa in acqua bollente.

La piccola è stata portato d’urgenza all’ospedale di Ajdabiya in Libia, ma non è sopravvissuta alle gravi ustioni causate dall’acqua eccessivamente calda.

Oltre alle ustioni, sul corpo della bambina sono stati riscontrati altri segni di violenza.

Presumibilmente ha colpito la bambina di tre anni con una corda prima di costringerla a sedersi in una vasca da bagno con acqua calda per un’ora, bruciando il suo minuscolo corpo.

Il padre di Rabiha poi l’ha chiusa in una stanza fino alle 21:00, ma non è chiaro per quanto tempo sia stata costretta a rimanere lì, senza cibo, acqua e con le ustioni sul corpo.

Quando è rientrata la madre della bambina, è subito corsa in ospedale e ha riferito ai medici che la piccola si era versata una pentola di acqua calda addosso.

Secondo quanto riferito, i membri del dipartimento investigativo criminale hanno interrogato entrambi i genitori e dopo aver presentato loro le prove, avrebbero ammesso il crimine.

Secondo quanto riferito, le autorità avevano anche prove che il padre fosse un tossicodipendente.

Non è chiaro se la mamma sapeva con sicurezza dell’incidente o se sia stata plagiata dal marito che le ha fatto credere un’altra versione dei fatti.

Entrambi i genitori sono stati trasferiti all’ufficio del pubblico ministero, ma al momento non è noto se siano stati ancora incriminati.

Secondo la fonte di notizie Al Arabiya, la notizia scioccante ha suscitato indignazione pertanto è stata chiesto l’ergastolo per l’uomo.


error: Contenuto protetto da Copyright