Questi 3 sintomi a 50 anni svelano che il colesterolo cattivo è alto


Il colesterolo, si sa, è davvero spiacevole poichè mette a repentaglio la nostra salute.

Quasi la metà degli italiani di età superiore ai 35 anni ha già sintomi occulti da colesterolo elevato per via di un alimentazione errata, povera di frutta e verdura e ricca di grassi saturi. E’ proprio tramite un prelievo ematico che ci si accorge di averne in eccesso nel sangue, ma pochi sanno che avere più grassi di quelli di cui si hanno bisogno aumenta notevolmente il rischio di avere un infarto o sviluppare altre malattie cardiovascolari, che insieme costituiscono la principale causa di morte frequente.

A partire dall’età di 20 anni, i livelli di colesterolo nel sangue devono essere misurati almeno una volta ogni cinque anni. Il pannello delle lipoproteine, calcolate con l’esame del sangue, fornirà la quantità totale di colesterolo e verrà calcolato l’indice di colesterolo LDL – quello che si accumula nelle arterie e li ostruisce -, un altro di HDL – aiuta ad eliminare il colesterolo dalle arterie in una certa misura – e un conteggio dei trigliceridi – un grasso che può aumentare il rischio di malattie cardiache, specialmente nelle donne. Ognuno di questi indicatori deve rientrare in certi limiti per considerare che la salute non è a rischio.

Ma come riconoscere i sintomi del colesterolo alto?

In realtà, vi sono disturbi specifici che inviano segnali chiari e di facile interpretazione per chi conosce la sintomatologia delle patologie più comuni.

Alt al colesterolo, occhio ai sintomi

La maggior parte delle malattie croniche più diffuse dipendono dalla presenza di placche di grasso nelle arterie. L’ostruzione dei vasi sanguigni è all’origine di moltissimi disturbi che compromettono gravemente lo stato di salute di giovani e anziani.

Anche soltanto questi 3 sintomi a 50 anni svelano che il colesterolo cattivo è alto e che occorre tenere sotto controllo i valori. La prima battaglia da vincere per sconfiggere questo killer silenzioso deve avvenire ogni giorno a tavola tramite un regime alimentare consapevole e sano.

1-Il primo segnale di ipercolesterolemia potrebbe giungere proprio dai valori della pressione alta o non sempre stabile. Gli sbalzi pressori potrebbero infatti denunciare la presenza di placche aterosclerotiche che affaticano la circolazione del sangue.

2-Inoltre a 50 anni a causa dei depositi di colesterolo si potrebbe accusare gonfiore alle gambe di sera o sul viso e sotto gli occhi al risveglio. Ciò significa che il flusso sanguigno nei vasi incontra occlusioni e ostacoli e fa fatica a pompare.

3-Infine chi ha valori elevati di colesterolo LDL accusa solitamente un ronzio alle orecchie che rivela una forte pressione sui timpani. Anche tale sintomo è riconducibile al forte stress e all’aumento della pressione sulle pareti dei vasi sanguigni cerebrali. Questi sono solo alcuni dei segnali manifesti e più facilmente riconoscibili dell’ostruzione del sistema circolatorio, ma conviene prestare attenzione anche ad altri fenomeni.


error: Contenuto protetto da Copyright