Albano e il racconto della sua malattia con cui convive da anni e la morte sfiorata


Una voce potente, una potenza scenica carismatica, un successo strepitoso in Italia e all’estero eppure, il cantante pugliese ha affrontato periodi molto brutti della sa vita: la malattia e poi la morte sfiorata.

Al Bano, pseudonimo di Albano Antonio Carrisi nasce a Cellino San Marco il 20 maggio 1943, è un cantautore, personaggio televisivo e attore italiano.

Nel corso della sua carriera ha vinto 26 dischi d’oro e 8 dischi di platino.

Frequenta l’istituto magistrale “Pietro Siciliani” di Lecce, che lascia a diciassette anni per emigrare a Milano. Lavorando nel ristorante Il dollaro del capoluogo lombardo, frequentato da personaggi dello spettacolo, ha l’opportunità di farsi conoscere dal produttore maestro Pino Massara, che lo invita a sottoporsi a un provino alla Celentano-Massara, casa di produzione affiliata aperta alla ricerca di nuovi talenti. Da quel momento inizia la sua carriera.

Ha avviato una fiorente produzione privata di vini pugliesi, prodotti nella sua Azienda Vinicola Carrisi, che ha sede in contrada Bosco, presso il suo paese natale. Il 16 ottobre 2001, Al Bano Carrisi è stato nominato “Ambasciatore di buona volontà”.dell’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO).

Albano, dalla malattia al rischio per la sua vita

Molte disavventure hanno però caratterizzato la vita del cantante pugliese. Albano Carrisi si trova di fronte ormai da tempo a una malattia che non lo porterà alla morte ma con la quale è costretto a convivere. Il racconto arriva dalle sue parole: “Gli anni ’90 per me sono stati duri da sopportare. Mi è successo di tutto. Cominciai a vedere sulle mani, sulle ginocchia e sui piedi una strana dilatazione della pelle. Avevo un forte prurito e, quando mi grattavo, spesso sanguinavo. Si trattava di psoriasi, dovuta al grande stress che dovevo sopportare quotidianamente».

Il cantante ha infatti dichiarato che soffre di questa fastidiosa malattia da quando è scomparsa tragicamente la figlia Ylenia. Recentemente ha seguito una cura sperimentale all’Ospedale San Raffaele di Milano e oggi Al Bano, pur non guarito del tutto, sta meglio. «Mi sento guarito dalla psoriasi. Ma sto sempre attento a non farmi vincere dallo stress, altrimenti il problema ritorna a manifestarsi», ha rivelato.

Come se non bastasse questa malattia cosi invadente, il cantante ha anche rischiato la vita. Albano è stato infatti recentemente colpito da una ischemia. Finì addirittura in terapia intensiva e furono giorni in cui tenne tutti con il fiato sospeso. Loredana Lecciso cercò in tutti i modi di stargli vicino e non fargli mai mancare nulla. Da questo episodio la sua vita è cambiata. Riposo e attività fisica hanno la priorità su tutto. Si temeva che non sarebbe potuto tornare a cantare, ma invece pochi mesi dopo smentì tutti tornando sul palco più forte che mai.


error: Contenuto protetto da Copyright