Pensione senza requisiti di anzianità contributiva, detta di Privilegio ed ecco a chi spetta


Avete mai sentito parlare di Pensione Privilegio?

La pensione di privilegio è una prestazione erogata dall’INPS a favore di lavoratori dipendenti, diventati inabili per patologie derivanti da cause di servizio. Nell’ipotesi di decesso del beneficiario, la pensione di Privilegio spetta ai superstiti.

A partire dal 2011, con la Legge Fornero, la pensione privilegiata spetta solo a determinate categorie di lavoratori:

a) Forze Armate (esercito, marina e aeronautica).

b) Arma dei Carabinieri.

c) Forze di Polizia a ordinamento civile e militare.

d) Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco.

Per questi lavoratori ci sono due tipi di pensionamenti privilegiati, quello tabellare e quello ordinario. Ciò che rileva, in tutte e due le fattispecie, è il presupposto dell’infermità dipendente da causa di servizio non suscettibile di miglioramento.

Le infermità possono anche prescindere dall’inabilità al servizio, senza comportare necessariamente la risoluzione del rapporto lavorativo.

Il militare che riporti lesioni o infermità a per cause di servizio, ha diritto alla pensione se le lesioni non siano suscettibili di miglioramento, o assegno rinnovabile. In quest’ultimo caso, allorché le lesioni o infermità siano suscettibili di miglioramento.

La pensione privilegiata è pari all’importo della base pensionabile, ovvero 100%, se l’infermità è ascritta alla prima categoria della Tabella A prevista nel DPR 915/78. Oppure, al 90%, 80%, 70%, 60%, 50%, 40% e 30% se le infermità sono rispettivamente ascritte alla seconda, terza, quarta, quinta, sesta, settima e ottava categoria. Se il dipendente ha maturato l’età pensionistica, la pensione privilegiata è liquidata nella misura prevista per quella ordinaria, aumentata del 10%.

La pensione privilegiata tabellare, invece, spetta ai militari di truppa ed ai graduati che abbiano contratto un’infermità durante il servizio di leva. Nonché ai militari e militarizzati con grado inferiore a quello di caporale compreso. Viene stabilita sulla base di tabelle stabilite dalla legge.

Come fare la domanda?

Per ottenere la pensione di privilegio dovranno effettuarsi due accertamenti:

-accertamento clinico ad opera della CMO;
-accertamento del nesso causale, da parte del comitato di verifica per le cause di servizio.

La domanda di pensione di Privilegio può essere presentata all’INPS:

-mediante il servizio online dedicato;
-Contact center al numero gratuito da rete fissa 803 164, oppure, da rete mobile al numero 06 164 164;
-mediante patronati.


error: Contenuto protetto da Copyright