Novità: Assisti un anziano invalido? Puoi ottenere assegni mensili fino a 1250 euro ed esenzione ticket


Assistere un anziano invalido è sicuramente molto difficile ed impegnativo ed è per questo che lo Stato viene in aiuto, per assicurare assistenza economica lì dove ci sono casi attestati di persone con gravi menomazioni fisiche e mentali.

I familiari che assistono un anziano invalido, o qualsiasi altro parente, possono richiedere vari sostegni economici. Si tratta di assegni mensili da ottenere soddisfacendo alcuni requisiti reddituali.

Bonus per chi assiste un anziano malato

Quando il proprio genitore si ammala, sia che molto anziano e sia se affetto da malattie gravi, è obbligo del proprio figlio prendersene cura, assumendosi delle grosse responsabilità.

Il familiare che deciderà di prendersi cura della persona invalida è quotidianamente impegnato su più fronti e, oltre alla fatica fisica, deve fare i conti con le uscite economiche. In molti non sono a conoscenza della possibilità di poter ottenere degli assegni mensili che aiuterebbero nella gestione del familiare non autosufficiente. Per richiederli è fondamentale conoscere i requisiti da soddisfare, soprattutto quelli reddituali.

Ma a quanto ammontano gli assegni mensili per accudire un anziano non autosufficiente?

Oltre all’esenzione del ticket per l’acquisto di farmaci o per effettuare visite mediche, i familiari di anziani con patologie invalidanti possono richiedere un assegno mensile INPS che, a volte, può superare i 1.500 euro. La maggior parte delle misure introdotte dal Governo tiene conto di alcuni requisiti reddituali – specialmente l’ISEE – per poter fare domanda dell’agevolazione. La pensione di cittadinanza o l’assegno di invalidità, per esempio, hanno un importo differente a seconda della percentuale di invalidità o disabilità dell’interessato.

Assegno sociale sostitutivo

Oltre i due assegni citati, è possibile richiedere l’assegno sociale sostitutivo. Destinatari sono gli anziani di età superiore ai 67 anni con reddito annuale inferiore a 5.983,64 euro (11.967,28 se coniugato) e la residenza in Italia. L’ISEE non è richiesto se non in associazione con la pensione minima di cittadinanza. In questo caso il limite è di 9.360 euro. L’importo dell’assegno sociale è di 460,28 euro e viene erogato per 13 mensilità.

Assegno di accompagnamento per anziano invalido

Per richiedere l’assegno di accompagnamento non sarà necessario indicare la situazione economica del contribuente. La domanda potrà essere inoltrata nel momento in cui l’anziano non autosufficiente non riesce a svolgere semplici attività quotidiane in autonomia. Il familiare che se ne prende cura avrà diritto a 522,10 euro per 12 mensilità. I requisiti per potere accedere alla misura sono la residenza in Italia e la cittadinanza italiana. Inoltre, il medico di base o il medico curante dovrà certificare l’elevata inabilità dell’anziano per cui si richiede l’indennità di accompagnamento.

E’ utile sapere che accudendo un anziano ed essendo in possesso della 104 si potranno ottenere fino a 100 euro di assegno INPS al giorno. Requisito necessario è il congedo dal lavoro fino a due anni. Infine, l’INPS prevede assegni fino a 1.250 euro per gli invalidi che necessitano di assistenza a domicilio. L’importo dell’indennità varia in base all’ISEE del richiedente. Il limite inferiore è 750 euro per ISEE superiore a 40 mila euro mentre il limite massimo è di 1.250 euro per ISEE fino a 8 mila euro e gravissima disabilità.


error: Contenuto protetto da Copyright