Gianni Morandi confessa: “Ho ospitato una signora ucraina. Una mattina si è svegliata e…”. Ecco cosa è successo


Il popolo italiano sta dimostrando la sua generosità nei confronti dei profughi ucraini e molti hanno deciso di accoglierli nelle loro case. Tra questi ci sono molti vip, come Gianni Morandi e Albano.

Nel programma radiofonico Giletti 102.5, Gianni Morandi ha parlato della guerra in Ucraina e ha raccontato di aver ospitato una profuga per quindici giorni ma, in seguito, è successo qualcosa di insolito.

Vi proponiamo una parte della sua intervista in cui racconta quanto accaduto.

Gianni Morandi e il suo pensiero sulla guerra

La cosa si è capovolta e oggi sono i russi che aggrediscono l’Ucraina e magari questi soldati russi non hanno una grande voglia di andare in guerra lì. C’è un paradosso molto particolare: nel 1983 fui premiato dal governo russo con una cerimonia ufficiale come un portatore di pace. Si sono rivoltate le cose, oggi sono i russi che aggrediscono.

Con quella canzone offendevo un governo alleato, che erano gli Stati Uniti, che dopo la guerra sono diventati alleati dell’Italia e molte cose nostre dipendevano da loro. Fu censurata, non fu mai trasmessa alla radio”.

Il cantante ha continuato: “Quando finisce? Non lo so. Ho ospitato per circa quindici giorni una signora ucraina di 69 anni, non riuscivamo a comunicare molto bene con lei perché parlava solo ucraino o russo. Lei si chiudeva in camera e piangeva e cercava di parlare al telefono con alcuni famigliari che erano là, una mattina si è svegliata e se n’è andata perché voleva tornare in Ucraina a casa sua nonostante le bombe“.

Poi ho saputo che è arrivata, ci ha ringraziato tanto. Non si può andare avanti tanto con questa guerra, prima o poi finirà. Forse Putin non vuole far vedere di essere sconfitto? Mi sembra che si stia comportando in maniera folle” ha concluso Gianni Morandi.

Dai un occhiata a tutti i nostri articoli, potrai trovare notizie interessanti suddivise per categoria QUI

Entra a far parte del nostro gruppo WhatsApp di Social Magazine, potrai leggere tutti i nostri articoli che pubblichiamo. Unisciti cliccando QUI

Puoi seguirci anche sulla pagina Facebook ufficiale di Social MagazineQUI 





error: Contenuto protetto da Copyright