Durante una rapina, Maria, 9 mesi, viene strappata dalle braccia della madre e gettata in piscina: muore annegata


Una rapina in villa finita in tragedia: i ladri hanno strappato la bambina di soli 9 mesi a sua madre, legato la donna e gettato la neonata in piscina: la piccola è annegata subito.

Maria, strappata alla mamma e gettata in piscina

La vicenda è accaduta in una casa di San Pedro de Suma, nella provincia di Manabi, in Ecuador. Angelica Murillo stava facendo il bagno a sua figlia Maria di nove mesi in una piscina  quando i malviventi hanno fatto irruzione, così come riporta The Sun. Due uomini sono arrivati ​​in moto e si sono presentati come ispettori di un programma di vaccinazione per cani, Angelica si è però subito insospettita non avendo alcun animale domestico in casa: è stato allora che i due ladri si sono fatti forza nella proprietà e strappato la piccola dalle braccia di sua madre. Hanno gettato Maria nella piscina e la mamma è stata legata.

Maria morta annegata nella piscina: il movente

Angelica ha consegnato loro il corrispettivo di circa 800 euro, ma insoddisfatti della somma in contanti, secondo quanto riferito dal tabloid britannico, hanno legato la donna prima di rovistare in casa. Fortunatamente, l’arrivo di una moto ha intimorito i ladri che sono fuggiti. A quel punto Angelica ha iniziato a gridare per attirare l’attenzione dei vicini di casa, dove si trovava l’altra figlia dodicenne che, una volta arrivata a casa ha trovato la sorellina all’interno della piscina. La ragazzina ha poi a slegato sua madre, che ha cercato di rianimare la bimba, ma senza successo. La polizia è ancora sulle tracce dei due sospetti.


error: Contenuto protetto da Copyright