Coronavirus: da stasera stop ai treni notturni. Si riducono così i collegamenti tra Nord e Sud


Da stanotte stop ai treni notturni e garantiti solo quelli essenziali.

Il decreto stabilisce i servizi essenziali per l’alta velocità (sia Frecciarossa che Italo) e per gli Intercity . Le restrizioni saranno in vigore fino al 25 marzo. Potranno solo circolare i convogli merci e i servizi d’emergenza.

Il nuovo decreto: stop ai treni da Nord a sud

La Ministra delle infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, ha firmato stamane il decreto che bloccherebbe  i convogli della notte «non saranno più disponibili».

Tutti coloro che stamattina erano in procinto di viaggiare con treno Frecciarossa, hanno dovuto rinunciare, avvisati da un sms che confermava la sospensione del servizio fino al 25 Marzo.

Il ministero delle Infrastrutture, in collaborazione con quello della Salute, ha infatti dovuto necessariamente prendere questo provvedimento, a fronte di un emergenza sanitaria grave e dopo l’esodo massiccio avvenuto la scorsa notte da Nord verso il sud.

Questa restrizione e diminuzione, che andrà ad interessare sia i servizi del’alta velocità che anche quelli utilizzati dai pendolari del trasporto regionale, è stata una scelta fondamentale per bloccare la diffusione del virus che, con spiegano i virologi, viaggia con le persone.

In tutti e due i casi vengono assicurati i «servizi essenziali». Dunque chi viaggia con Trenitalia avrà a disposizione almeno una coppia di treni su ogni direttrice, per chi viaggia con Intercity, dovrà richiedere maggiori informazioni  ai servizi di trasporto della propria regione. Limitazioni anche per i collegamenti ad alta velocità Italo di Ntv . Il decreto del Mit, invece, offre libera circolazione dei convogli merci e di quelle organizzati per gestire l’emergenza.

Clicca sull’immagine qui sotto per vedere il Decreto completo ⬇

 


error: Contenuto protetto da Copyright