Barbara Bouchet racconta il suo dramma: “Devo ancora lavorare, ho una pensione da 511 euro al mese”


Barbara Bouchet è stata un’attrice di grande successo negli anni ‘70 e ‘80.

Barbara Bouchet nasce a Reichenberg, nel 1943. una delle attrici più apprezzate della prima generazione della commedia sexy all’italiana. Apparve sovente sulle copertine delle appena nate riviste soft-erotiche come Playmen Italia cui presto fecero seguito anche le apparizioni televisive. I primissimi anni settanta la videro impegnata in numerosi poliziotteschi e thriller quali ad esempio Milano calibro 9, di Fernando Di Leo, e Non si sevizia un paperino, di Lucio Fulci.

Nel 2020 ha preso parte a Ballando con le stelle, in coppia con il ballerino professionista Stefano Oradei, venendo eliminata provvisoriamente nella seconda puntata e definitivamente in semifinale. Barbara Bouchet è stata sposata con l’imprenditore napoletano Luigi Borghese con il quale ha avuto due figli: Massimiliano e lo chef Alessandro Borghese.

Mamma del noto cuoco italiano e conduttore Alessandro Borghese, Barbara ha parlato della sua situazione economica in un’intervista rilasciata ai microfoni di Storie Italiane.

Nel salotto di Eleonora Daniele, la Bouchet ha toccato un tema molto caldo che riguarda tantissimi italiani: le pensioni basse.

Barbara, infatti, continua a lavorare dato che la sua pensione è davvero molto bassa.

Devo ancora lavorare, ho una pensione da 511 euro al mese. Quando l’ho saputo ho pianto”. Queste le parole dell’attrice.

Durante Storie Italiane, però, l’attrice ha voluto precisare che non è nelle sue intenzioni lamentarsi della sua condizione economica dato che non vive soltanto grazie alla pensione.

“Per fortuna non devo campare solo con 511 euro al mese, io quest’anno ci ho anche 3 film che mi escono!”

Tanti personaggi del mondo dello spettacolo sono vittima di questa ingiustizia, come ad esempio Enzo Paolo Turchi che dopo 50 anni di lavoro e contributi versati riceve solo 720 euro al mese.

Anche Simona Izzo, nota attrice, che dice di percepire circa 1000 euro al mese.

Io ho mille euro al mese di pensione, se non lavorassi non arriverei nemmeno a 1200 e non farei nulla. Ho partecipato al Grande Fratello Vip per pagare la scuola privata ai miei nipoti”.

Il caso più triste in assoluto però è quello di Ivan Cottini, un ballerino malato di sclerosi multipla che non riesce ad andare avanti con 280 euro di pensione che riceve dallo Stato. Questa è la vera ingiustizia e Ivan riesce a sopravvivere solo grazie alla sua famiglia.


error: Contenuto protetto da Copyright