Paura per le profezie della mistica Elena Aiello: “L’Italia sarà umiliata, il mondo sarà sconvolto, gli uomini offendono troppo Dio”


Avete mai sentito parlare della Beata Elena Aiello? è stata una mistica italiana, fondatrice dell’istituto religioso delle Suore Minime della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo.

Beata Elena Aiello era stata miracolata nella sua vita da Santa Rita, infatti, dopo aver avuto un tumore allo stomaco ed essersi sottoposta a diversi interventi chirurgici, ella guarì improvvisamente.

Il 2 marzo 1923, secondo quanto riferiscono i suoi biografi, Elena ricevette le stigmate, che le venivano donate ogni Venerdì santo, scomparendo il sabato santo.

Elena Aiello, conosciuta come la “Monaca Santa”, dedicò la sua vita all’accoglienza, in particolare dei bambini abbandonati, istituendo per gli orfani alcuni istituti e aprendo un Istituto Magistrale per le ragazze che uscivano dall’orfanotrofio.

Recatasi a Roma per l’apertura di un nuovo istituto, vi morì il 19 giugno 1961. Le sue spoglie sono custodite nella Cappella della Casa Madre a Cosenza. Da allora risultano testimonianze di conversioni e guarigioni miracolose, attribuite alla sua intercessione.
Papa Giovanni Paolo II la dichiarò venerabile il 22 gennaio 1991.

Le profezie

Dal giorno della sua morte risultano testimonianze di conversioni e guarigioni miracolose, attribuite alla sua intercessione.

In questo periodo molto difficile, con lo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina e con il timore che questo conflitto possa sfociare in terza guerra mondiale, ascoltare e rileggere queste parole fa paura.

Ecco cosa avrebbe detto la Beata Elena Aiello:

“…l’ora della giustizia di Dio è vicina e sarà terribile! Tremendi flagelli sovrastano il mondo… E se gli uomini non ravviseranno in questi flagelli i richiami della Divina Misericordia e non ritorneranno a Dio con una vita veramente cristiana, un’altra guerra terribile verrà da Est ad Ovest, e la Russia con le sue armi segrete, combatterà l’America, travolgerà l’Europa e si vedrà specialmente il fiume Reno della Germania pieno di cadaveri e di sangue…”

“Gli uomini offendono troppo Dio. Se io ti facessi vedere il numero dei peccati che si commettono in un sol giorno, ne moriresti dal dolore.”

“I tempi sono gravi. Il mondo è tutto sconvolto perché è diventato peggiore che ai tempi del diluvio. Il materialismo si avanza e continua la sua marcia segnata di sangue, in lotte fratricide. Vi sono segni evidenti e pericolosi per la pace. Il flagello sta passando sul mondo come l’ombra di una nube minacciosa, per testimoniare agli uomini che la giustizia di Dio preme sull’umanità e che la mia potenza di Madre di Dio contiene ancora lo scoppio dell’uragano. Tutto è sospeso come ad un filo: quando questo filo si spezzerà, la Giustizia divina piomberà sul mondo e compirà il suo terribile corso purificatore.

Tutte le nazioni saranno punite perché molti sono i peccati che, come una marea di fango, ha ricoperto la terra. Le forze del male sono preparate a scatenarsi in ogni parte del mondo, con aspra violenza. Tremendo sarà lo sconvolgimento per quello che avverrà.”

“Già da tempo, ho avvisato gli uomini, in tanti modi. I Governatori dei popoli avvertono il pericolo gravissimo; ma non vogliono riconoscere che, per evitare il flagello, è necessario far ritornare la società ad una vita veramente cristiana. Quanto strazio sente il mio cuore nel vedere che gli uomini a tutto pensano meno che a ritornare a Dio.”

“Ma il tempo non è lontano e tutto il mondo sarà sconvolto. Molto sangue sarà versato: di giusti, di innocenti, di santi sacerdoti, e la Chiesa soffrirà molto. L’odio arriverà al colmo.”

“L’Italia sarà umiliata, purificata nel sangue, e dovrà molto soffrire, perché molti sono i peccati in questa nazione prediletta, sede del Vicario di Cristo.”

“Non puoi immaginare quello che accadrà! Si svilupperà una grande rivoluzione e le vie saranno arrossate di sangue. Il Papa soffrirà molto e tutto questo soffrire sarà per lui come un’agonia che abbrevierà il suo pellegrinaggio terreno. Il suo Successore guiderà la nave nella tempesta.”

“Ma non tarderà la punizione degli empi. Quel giorno sarà spaventoso, nel modo più terribile: la terra tremerà e scuoterà tutta l’umanità.”

“I malvagi periranno nei tremendi rigori della giustizia di Dio.”

Preghiera: Atto di consacrazione a Maria

Di seguito riportiamo la preghiera di Papa Francesco scritta per consacrare e affidare l’umanità e specialmente la Russia e l’Ucraina al Cuore Immacolato di Maria.

 

Dai un occhiata a tutti i nostri articoli, potrai trovare notizie interessanti suddivise per categoria QUI

Entra a far parte del nostro gruppo WhatsApp di Social Magazine, potrai leggere tutti i nostri articoli che pubblichiamo. Unisciti cliccando QUI

Puoi seguirci anche sulla pagina Facebook ufficiale di Social Magazine e non dimenticare di lasciare il tuo 👍QUI 


error: Contenuto protetto da Copyright