OMS: Picco quarta ondata. Ecco quando è previsto e il rischio lockdown a Natale


Cosa ci aspetta a Natale? Ci sarà un altro lockdown come lo scorso anno? Ecco quali sono le preoccupazioni espresse dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

OMS: Picco quarta ondata a dicembre

Un altro Natale con il lockdown a causa della variante Omicron? Secondo il direttore esecutivo dell’Agenzia dell’Onu, Michael Ryan è fondamentale aspettare e avere pazienza per prendere una decisione tanto dolorosa e di grande malcontento.

Si sanno ancora poche cose in merito alla variante Omicron ma secondo il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom:
Nel mondo abbiamo un mix tossico di bassa copertura vaccinale e molti pochi test, che continuerà a generare varianti a meno che non si trovi una soluzione”.

Il rischio lockdown nei paesi europei, quindi, non è ancora scongiurato e secondo Ryan è importante che nel mentre si cerchi di capirne di più in merito alla variante sudafricana, i paesi devono mettere in atto misure di controllo e aumentare la sorveglianza.

Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare più informazioni in merito alla maggiore contagiosità ed eventuale capacità di resistere ai vaccini anche se per il momento i positivi manifestano tutti sintomi lievi.

Quando arriva il picco a causa della quarta ondata

In Italia, intanto, la situazione sta lentamente peggiorando e l’aumento dei casi, oggi poco più di 16mila, sembra andare di pari passo con le nuove misure in arrivo: dal Super Green Pass a partire dal 6 dicembre, fino alle ordinanze locali per il ritorno della mascherina obbligatoria all’aperto. Matteo Bassetti, direttore di Malattie Infettive del Policlinico San Martino, intanto, il picco della quarta ondata è previsto a metà dicembre. A Il Mattino il professore ha dichiarato:

La crescita dei contagi non è a livello esponenziale come nella prima, seconda e terza ondata. È molto probabile che il picco di questa ondata ci sarà fra le prossime due-tre settimane, a metà dicembre, poi comincerà la fase discendente.
La variante Omicron rappresenta una brutta pagina della comunicazione sull’emergenza Covid, dai dati finora emersi, questa variante Omicron è molto meno preoccupante di quanto sembrasse la settimana scorsa”

Secondo Bassetti, infatti, la notizia della variante Omicron è stata diffusa creando un clima allarmistico tanto da portare al crollo delle borse e la chiusura al Sudafrica.


error: Contenuto protetto da Copyright