Neonata di pochi giorni trovata alla deriva del fiume: un pescatore la salva e riceve come ricompensa una casa e dei soldi


Immagine Youtube

Una bellissima e commovente storia che ha fatto il giro del mondo e il video è diventato virale. La piccola protagonista è una neonata di poche settimane, abbandonata alla deriva del fiume, salvata da colui che ora è un vero ero: un pescatore del luogo.

La piccola era chiusa in una scatola di legno decorata con divinità indù, avvolta in una copertina rossa e fluttuava sulle acque del Gange, presso Ghazipur.

La neonata è in salute, ha 3 settimane e sembra essere stata ben nutrita.

Gullu Chaudhary, l’eroe che ha salvato la piccola malcapitata, ha dichiarato: «C’erano molte persone sulla riva del fiume, tutti sentivano i lamenti, ma nessuno si muoveva. Ho preso la barca e mi sono diretto verso quello strano oggetto».

Il governatore dell’Uttar Pradesh, Yogi Adityanath, ha annunciato che lo stato si farà carico delle spese per la crescita e l’educazione della bimba e ha promesso una ricompensa monetaria, e una casa, per il barcaiolo, per il suo gesto, definito «un esempio senza pari di umanità».

La Polizia intanto sta indagando perchè si pensa che possa essere stata abbandonata perchè nata femmina. Il desiderio dei genitori indiani di avere figli maschi ha prodotto circa 21 milioni di bambine “non volute”, abbandonate o uccise. Gli esperti affermano l’esistenza di quella che chiamano “preferenza per il figlio”, che porta le coppie a mettere al mondo figlie femmine fino a quando non ottengono il maschio tanto desiderato. In India, le bambine sono sempre state considerate una sorta di maledizione per le famiglie. La tradizione considera i maschi gli eredi dei beni e coloro che mantengono i nuclei familiari “portando il pane a casa”.

L’ipotesi degli inquirenti è che la bimba sia stata affidata alle acque del fiume «sacro» da chi l’avesse partorita affinchè qualcuno la trovasse, non volevano ucciderla: al suo fianco c’era un foglio con tutte le indicazioni astrologiche relative alla sua nascita e con il nome: Ganga, come il fiume.


error: Contenuto protetto da Copyright