La profezia di Baba Vanga, terrorizza il mondo: «Una nuova pandemia nel 2022». Aveva predetto il Covid e non solo


Baba Vanga è una donna cieca, ritenuta una chiaroveggente ed erborista bulgara, che ha trascorso gran parte della sua vita nella zona di Rupite, un villaggio montano del distretto di Blagoevgrad. I suoi seguaci erano convinti che possedesse abilità paranormali.

Baba Vanga, aveva predetto gli attacchi terroristici dell’11 settembre, riferendo che “il mondo avrebbe subito molti cataclismi e grandi disastri” nel 2020.

Le predizioni 

Baba Vanga, una sensitiva cieca, ha predetto l’attacco terroristico dell’11 settembre e la Brexit.

Baba Vanga, il cui vero nome era Vangelia Gushterova, fu soprannominata la “Nostradamus dei Balcani” per le sue bizzarre affermazioni. Dopo aver misteriosamente perso la vista all’età di 12 anni durante una forte tempesta, ha affermato di aver ricevuto un dono molto raro da Dio: vedere nel futuro.

Le sue affermazioni sulla dissoluzione dell’Unione Sovietica, la morte della principessa Diana e il disastro di Chernobyl, che lei aveva previsto molto prima, sono apparse vere e accadute davvero. Si pensa che avesse azzeccato correttamente l’85% delle sue previsioni.

Pronostici Baba Vanga 2021

Poco prima della sua morte nel 1996 all’età di 85 anni, Baba Vanga aveva predetto che il 2020 sarebbe stato un anno di cataclismi (un evento violento su larga scala nel mondo naturale). “Il mondo subirà molti cataclismi e grandi disastri. La coscienza delle persone cambierà. Verranno tempi difficili. Le persone saranno divise dalla loro fede. Assisteremo a eventi devastanti che cambieranno il destino e il destino dell’umanità“, aveva affermato.

La veggente bulgara aveva profetizzato che il presidente Usa, Trump apparentemente soffrirà di una “malattia misteriosa“. Aveva detto che il 45 ° re degli Usa si ammalerà di una “malattia misteriosa che lo lascerà sordo e causerà traumi cerebrali”.

Si dice che abbia anche affermato che l’economia europea cadrà a capofitto, che ci sarà un tentativo di omicidio contro il presidente russo Vladimir Putin da parte di qualcuno all’interno del suo stesso paese e gli estremisti islamici metteranno in scena un attacco in Europa.

Aveva predetto il destino di Trump e Putin nel 2019 e nel 2020. Entrambi sono sopravvissuti anche se Trump ha contratto il coronavirus nell’ottobre di quest’anno e il tentativo di assassinare Putin è stato sventato nel 2012.

 

Baba Vanga aveva anche detto: “[Gli estremisti] useranno un arsenale di armi chimiche contro gli europei”.

La sensitiva aveva anche aggiunto: “La produzione di benzina si fermerà e la Terra riposerà” e “i treni” voleranno “usando la luce solare.

La previsione più bizzarra di Baba Vanga per l’anno 2021 è che un drago avrebbe conquistato il pianeta. “Un drago forte conquisterà l’umanità. I ​​tre giganti si uniranno. Alcune persone avranno denaro rosso. Vedo i numeri 100, 5 e molti zeri.”

Gli interpreti presumono che il “drago” a cui si riferisce Baba Vanga sia la Cina. I tre giganti potrebbero essere Russia, India e Cina. Interpretano che i soldi potrebbero essere le banconote da 100 Yuan e da 5.000 rubli, entrambe di colore rosso.

Altri eventi che ha previsto includono la fine della fame nel mondo entro il 2028, le colonie di Marte che acquisiscono armi nucleari entro il 2256 e la Terra diventa inabitabile entro il 2341. Le sue profezie durano fino all’anno 5079, quando ha detto che il mondo non esisterà più.

Solo il tempo dirà quante di queste predizioni di Baba Vanga sono corrette.

Ma cosa succederà quindi nel 2022?

La veggente bulgara parla di un nuovo virus a cui il genere umano di abituerà nel corso dell’anno che sta per arrivare
Una nuova pandemia potrebbe arrivare nel 2022.

Nella profezia afferma che “gli esseri umani si abitueranno a un nuovo virus”. Non viene specificato come potrebbe accadere tutto ciò, ma viene solo detto che diventerà, appunto un’abitudine. Se da un lato la sua profezia porta ottimismo dall’altro sembra preoccupare visto che parla di “un nuovo virus”. Gli interpreti specificano che potrebbe esserci un riferimento alla comparsa di un nuovo ceppo, ma non si può escudere che Baba Vanga intendesse proprio un nuovo virus, diverso dal Covid-19.

Nella seconda profezia, Baba Vanga parla di “molti disastri naturali”, una previsione è anche coerente con il contesto in cui il mondo sta assistendo a una serie di fenomeni naturali insoliti come la morte di massa di pesci, siccità, gravi inondazioni, scioglimento dei ghiacci nell’Artico, pioggia che cade sull’isola di Groenlandia. E poi aggiunge: “Molti esseri viventi vengono distrutti qui. Non solo, i sopravvissuti moriranno per una grave malattia”.

Curiosità su Baba Venga

Vanga era analfabeta o semianalfabeta. Nessun documento scritto fu redatto da lei in persona e tutto ciò che disse o è ipotizzato abbia detto è stato trascritto dai seguaci che lavoravano con lei.

Vanga affermava che le sue straordinarie capacità avevano qualcosa a che fare con la presenza di creature invisibili, ma non riusciva a spiegare chiaramente la loro origine. Diceva che quelle creature le davano informazioni sulle persone e che loro non potevano trasmetterle direttamente, perché la distanza e il tempo non avevano importanza per la loro natura. Secondo Vanga, la vita di tutti coloro che le stavano di fronte era come un film, proiettato dalla nascita sino alla morte, e quindi poteva prevedere il loro futuro, ma non era in grado di cambiarlo.

Fonti come la Guida pratica Wiesler sul paranormale sostengono che lei predisse la disgregazione dell’Unione Sovietica, il disastro di Černobyl’, la data della morte di Stalin, l’affondamento del sottomarino russo Kursk, gli attacchi dell’11 settembre, il Terremoto e maremoto dell’Oceano Indiano del 2004 e la vittoria dello scacchista bulgaro Topalov al torneo mondiale di scacchi.


error: Contenuto protetto da Copyright