Iva Zanicchi a Fuori dal coro: “Immigrati prepotenti e padroni, spacciano e stuprano”


Iva Zanicchi, nota conduttrice, ospite di Fuori dal Coro di Giordano, ha parlato di immigrazione durante la trasmissione, dimostrandosi contraria ai numerosi sbarchi di questi giorni.

La cantante, come tutti ricordate è un ex europarlamentare di Forza Italia e si dice preoccupatissima per la nuova ondata di sbarchi in arrivo, anche perché i numeri sui ricollocamenti irrisori mostrati da Mario Giordano (appena 540 su un totale di 11.800 arrivi da novembre 2019) non aiuta a cancellare il senso di emergenza.

La Zanicchi così sferra un duro attacco e con toni particolarmente aspri afferma: “Succederanno cose molto gravi in questo paese. Questi giovani africani che vengono qua, qualcuno poverino forse farà pure tenerezza, non vedi che non hanno rispetto? Sono prepotenti, pretendono, vogliono. Cosa fanno? Vanno in città, spacciano, se possono stuprano“.

Giordano prova a placare l’aquila di Ligonchio: “Non tutti, chiaramente...”. Ma Iva incalza: “Sanno che in questo Paese non gli succederà nulla o quasi. Nel loro Paese, se si comportassero così, andrebbero in galera, li farebbero fuori. Qui invece sono padroni di fare quello che vogliono“.

Iva Zanicchi e la Politica

Alle elezioni europee del 2009 viene rieletta parlamentare al Parlamento europeo per Il Popolo della Libertà, aderendo al Partito Popolare Europeo. Iva Zanicchi è anche stata eletta vicepresidente della Commissione Sviluppo del Parlamento Europeo. In seguito alla sua rielezione al parlamento europeo ha iniziato a tenere (fino al 2011) una breve rubrica settimanale su QN Quotidiano Nazionale intitolata W Iva l’Europa in cui rispondeva a domande di varia natura inerenti al suo ruolo di europarlamentare.

La Zanicchi è stata presente a quasi tutte le sedute dell’europarlamento, tanto da arrivare ad essere una degli europarlamentari italiani più presenti in tutta la legislatura (con oltre il 97% di presenze in aula).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *