I contagi con Omicron 2 tornano a salire, Pregliasco: “Ecco cosa accadrà a Pasqua”


Tornano a salire i contagi, forse per via delle minori restrizioni a cui siamo sottoposti, forse perchè l’efficacia dei vaccini sta via via diminuendo, forse perchè il covid non è mai andato via, illudendo gli italiani. Una nuova sotto variante, Omicron 2, ha fatto registrare 32.573 nuovi positivi, facendo schizzare la percentuale di positività al 15%.

Nonostante ciò, il Governo ha già approvato nel Decreto di Aprile, nella quale si legge chiaramente: dal 1° Aprile via restrizioni e dal 1° Maggio stop alle mascherine al chiuso.

Che Pasqua ci aspetta?

Cosa ci aspetta a Pasqua? A rispondere è il prof. Fabrizio Pregliasco, Direttore Sanitario dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi. In una sua intervista, rilasciata a Money, ha chichiarato quanto segue: 

Purtroppo l’Rt ha superato l’1 e non è una bella cosa, la tendenza nelle ultime quattro settimane è al rialzo. A incidere, un periodo con grandi sbalzi termici e la diffusione di Omicron 2, contagiosissima.

La sottovariante circola soprattutto tra i giovani, anche a causa della percentuale più bassa di vaccinati. Nella fascia di età 5-11 anni solo il 30% è immunizzato.

Un’altra causa è il rilassamento generale. A mio avviso le misure devono rimanere come deterrente. Non bisogna aprire il rubinetto tutto di botto, ma regolarlo. E per apertura intendo la quota di contatti con cui ci relazioniamo senza precauzioni e la possibilità di infezione. Più persone frequentiamo senza mascherine e più facilitiamo la circolazione del virus. A Pasqua a mio avviso non ci sarà un’ondata, ma potranno emergere un bel po’ di casi nei periodi successivi”.

Continua la diffusione di Omicron 2, può influire sui ricoveri ed essere pericolosa per i fragili?

 

Omicron ha una minore patogenità, ma anche l’alto numero di vaccinati ha aiutato contro le forme severe della malattia. Ora si sta diffondendo Omicron 2, sottovariante contagiosissima, con un R0 vicino al 18. Simile al morbillo. È stato erroneamente detto che Omicron si è «raffreddorizzata» e tanti non hanno sentito l’esigenza di fare la terza dose. Anche tra gli anziani. Quindi l’aumento dei casi può incidere sui ricoveri e sulle persone fragili”.

Il vaccino protegge da Omicron 2?

Il vaccino, che è stato messo a punto sul virus di Wuhan, perde un po’ di capacità con Omicron. Ma previene le forme più gravi. Inoltre il 3% dei casi sono persone già infettate nel passato. Le reinfezioni sono più frequenti soprattutto nei giovani non vaccinati, perché Omicron dà una risposta immunitaria minore”.

Sarà necessaria una quarta dose?

Sarà necessario sicuramente un vaccino aggiornato. Ma per quanto riguarda la quarta dose – alla luce dell’esperienza di Israele – penso a una vaccinazione sullo stile di quella antinfluenzale, raccomandata. Il virus rimarrà con noi e manterrà un andamento ciclico”.

Siamo pronti all’addio di mascherina e green pass?

Il periodo di emergenza doveva essere chiuso e occorreva iniziare ad affrontare la malattia come endemica, con i mezzi ordinari. Ci sta dunque la riapertura. Dopo la prima ondata si sperava di spegnere la malattia come avvenne con Sars-CoV-1. Ma in quel caso fu possibile perché il virus circolava solo tra i sintomatici. Sars-CoV-2 ha aggirato questa cosa. Le diverse nazioni hanno utilizzato tre diversi approcci per fronteggiare il virus: la Cina ha attuato in modo maldestro il metodo «zero contagi», l’Europa dell’est ha lasciato andare sulla vaccinazione e ha subito un impatto brutale.

Il nostro governo ha optato per interventi di mitigazione, con l’obiettivo di ridurre la velocità della malattia e far in modo che non ci fosse un picco devastante. Ovvero «spalmiamo i casi nel tempo e governiamo l’andamento». Al momento, gran parte delle persone sono state infettate ma l’immunità è breve”.

Entra a far parte del nostro gruppo WhatsApp di Social Magazine, potrai leggere tutti i nostri articoli che pubblichiamo. Unisciti cliccando Qui




error: Contenuto protetto da Copyright