Dieta Brasiliana. Ecco come per eliminare 9 kg in 4 Settimane


La dieta brasiliana ha ottenuto grande successo in tutte le parti del mondo, grazie ai suoi risultati efficaci sulla perdere peso.

Mentre è vero che alcuni programmi dietetici funzionano davvero, altri sono inutili. Tuttavia, questa dieta favolosa promette anche di aiutarti a perdere fino a 10 chili in 4 settimane , ma solo se sei coerente e perseverante nelle sue istruzioni. I suoi ingredienti principali sono frutta e verdura fresca e sono garantiti 4 a 5 piatti giornalieri.

In ogni caso si tratta di una dieta un pò drastica e per questo non sostenuta da molti. E’ un regime alimentare molto restrittivo che si divide in due differenti metodiche: uno davvero rigido, ed un altro dove sono inseriti molti frutti e tanta verdura!

Il suo nome deriva da fatto che a consigliare tale dieta è stato proprio il Ministero della Salute brasiliano nel 2014. l’obbiettivo principale era quello di indicare un tipo di alimentazione povero in grassi ma molto ricco di verdura e frutta. Si evitano gli “accessori” di cui si può far a meno tranquillamente e si beve molta acqua!

Una regola importante in questa dieta brasiliana è che in una giornata tipo, che prevede 4/5, tra il primo e l’ultimo non devono passare più di 12 ore.

Lunedi

Colazione: un bicchiere di succo di mela e un uovo alla coque.

Pranzo: pesce cotto (porzione da 100 grammi), 2 patate cotte e 4 foglie di lattuga. * Se non mangi pesce, puoi sostituirlo con proteine ​​di origine animale.

Spuntino: un bicchiere di succo di mela e toast.

Cena: proteine ​​di origine animale (porzione da 200 grammi), un uovo sodo, lattuga e piselli.

Prima di andare a dormire: un bicchiere di succo di mela e un toast.

Martedì

Colazione: un bicchiere di succo d’arancia e banana.

Pranzo: pesce cotto (porzione da 100 grammi), accompagnato da una porzione di insalata di verdure fresche. * Se non mangi pesce, puoi sostituirlo con proteine ​​di origine animale.

Spuntino: un bicchiere di succo d’arancia e toast.

Cena: ripetere lo stesso come a pranzo.

Prima di andare a dormire: un bicchiere di succo d’arancia e un toast.

Mercoledì

Colazione: un bicchiere di latte magro e toast.

Pranzo: riso (100 grammi) e insalata di cavolo con prezzemolo e un po ‘di succo di limone.

Spuntino: formaggio magro (100 grammi).

Cena: proteine ​​di origine animale (porzione da 100 grammi), una mela e 4 foglie di lattuga.

Prima di andare a dormire: un bicchiere di succo di mela e un toast.

Giovedi

Colazione: ananas (porzione da 60 grammi) e un bicchiere di succo d’ananas.

Pranzo: proteine ​​di origine animale (porzione da 100 grammi), un po ‘di formaggio e un’arancia.

Spuntino: un bicchiere di succo d’ananas e toast.

Cena: una piccola insalata di carote a strisce, con un po ‘d’olio e due patate bollite.

Prima di andare a dormire: un bicchiere di succo d’ananas e toast.

Venerdì

Colazione: un bicchiere di succo di mela e toast.

Pranzo: pesce cotto (porzione da 150 grammi) e 2 carote cotte. * Se non mangi pesce, puoi sostituirlo con proteine ​​di origine animale.

Spuntino: una mela e un’arancia.

Cena: una porzione di zuppa di verdure e toast.

Prima di andare a dormire: un bicchiere di succo d’arancia e un toast.

Sabato

Colazione: un bicchiere di succo di mela e toast.

Pranzo: una porzione di zuppa di verdure e toast.

Spuntino: insalata di barbabietole bollite, con un po ‘d’olio (porzione da 150 grammi).

Cena: un po ‘ di funghi fritti, accompagnati da una porzione di insalata di verdure.

Prima di andare a dormire: un bicchiere di succo di mela e 2 fette di pane.

Domenica

Colazione: una banana e un grappolo d’uva.

Pranzo: proteine ​​di origine animale (porzione da 100 grammi) e una piccola insalata di cavolo, cipolle e succo di limone.

Spuntino: un bicchiere di succo di carota e toast.

Cena: una porzione di zuppa di verdure, 4 foglie di lattuga e 100 grammi di frutta fresca.

Prima di andare a dormire: 2 fichi secchi e un bicchiere di succo di mela.

Ovviamente non è consigliabile ripete la dieta per un tempo prolungato, noi consigliamo solitamente 2, massimo 3 settimane in cui essa debba essere ripetuta ciclicamente. E’ preferibile fare una pausa e, in ogni caso, almeno una volta a settimana concedersi il lusso di assaggiare un alimento a piacimento. Questo gioverà anche alla salute psichica e farà in modo che affrontiate al meglio le restrizioni alimentari della dieta stessa.


error: Contenuto protetto da Copyright