Coronavirus, i ginecologi: ‘Necessario favorire l’aborto farmacologico’


Una situazione difficile quella attuale, per tutte le donne che dovranno effettuare un aborto. Per questo motivo i ginecologi hanno proposto l‘aborto farmacologico, con lo scopo di  decongestionare gli ospedali e alleggerire lʼimpegno degli anestesisti, diminuendo inoltre tra le donne la possibilità di contagio.

I ginecologi italiani lanciano un appello: l‘aborto in tempi di Coronavirus dovrà diventare necessariamente farmacologico, “a tutela della salute e dei diritti delle donne”.

In questa fase di pandemia, spiegano le società scientifiche di Ginecologia e Ostetricia, sarebbe utile a decongestionare gli ospedali, alleggerire l’impegno degli anestesisti e l’occupazione delle sale operatorie.

In questo momento storico – spiega Antonio Chiantera, presidente della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia – riteniamo doveroso tutelare la salute e i diritti delle donne, attuando le procedure ritenute giustamente indifferibili, e al contempo ponendo in essere tutte le misure utili a contenere e contrastare il diffondersi della pandemia“.

Il presidente dell’Associazione Ginecologi Universitari Italiani ,Nicola Colacurci sottolinea invece che “il percorso tradizionale dell’aborto chirurgico, che prevede numerosi accessi ambulatoriali espone la donna a un numero eccessivo di contatti con le strutture sanitarie, che sicuramente” in questo periodo di emergenza “non contribuiscono alla riduzione del rischio di contagio”.

Inoltre, secondo i ginecologi, le maggiori difficoltà che le donne incontrano ad accedere ai servizi di interruzione volontaria di gravidanza rischiano di determinare il superamento dei limiti temporali previsti dalla legge; rischio ancora maggiore per le donne che vivono in condizioni di alta marginalità e vulnerabilità, quali violenza domestica, condizioni precarie di salute o positività al coronavirus.

L’appello degli esperti mette in evidenza la necessità di rivedere alcuni aspetti delle procedure vigenti, dichiarandosi favorevoli prima di tutto a spostare il limite del trattamento da 7 a 9 settimane; eliminare la raccomandazione del ricovero in regime ordinario dal momento della somministrazione del mifepristone a momento dell’espulsione; introdurre anche il regime ambulatoriale che prevede un unico passaggio nell’ambulatorio ospedaliero o in consultorio, con l’assunzione del mifepristone, e la somministrazione a domicilio delle prostaglandine, procedura già in uso nella maggior parte dei Paesi europei. Per i ginecologi, inoltre, bisogna prevedere una procedura totalmente da remoto, monitorizzata da servizi di telemedicina, come è già avvenuto in Francia e nel Regno Unito.


error: Contenuto protetto da Copyright