Le frasi che non dovremmo mai dire ai nostri figli


Essere un genitore richiede responsabilità anche quando si tratta di scelta delle parole. Le frasi pronunciate inavvertitamente possono cambiare la visione del mondo di un bambino o indurlo a sviluppare una morale povera.

Secondo il parere degli psicologi sono molte le frasi da non dire e noi le abbiamo raccolte in questo articolo. Lo sviluppo sano del bambino è fondamentale e altrettanto importante è comprendere cosa dire e non dire.

Le 7 frasi da non dire
“Dovresti ascoltare gli adulti”.

Sentendo questo, il bambino pensa: “Tutti gli adulti sono intelligenti e bravi. Devo fare come si dice. “Questa frase è pericolosa perché il bambino inizia a fidarsi di tutti gli adulti, compresi gli estranei, e non comprendere chi fa del bene e chi no.

La frase corretta: “Devi ascoltare i tuoi genitori“. Questo aiuta il bambino a sviluppare il pensiero critico e una sana sfiducia nei confronti degli estranei.

“Smetti di piangere”.

Sentendo questo, il bambino pensa: “È sbagliato mostrare emozioni. Sarò solo sgridato per le lacrime”. Potrebbe crescere reprimendo le proprie emozioni. Le emozioni latenti si manifesteranno prima o poi in aggressività o comportamenti errati.

La frase corretta: “Dimmi cosa ti dà fastidi” oppure”Perché piangi?” Se il bambino cade o si ferisce, dovrai chiedergli: “Stai piangendo perché fa male o sei spaventato?” Ciò provocherà una conversazione che aiuterà il bambino a identificare le proprie emozioni.

5. “Non essere avido!”

Sentendo ciò, il bambino pensa: “Devo condividere tutto. Non c’è nulla che sia mio”.Nel tempo, questi pensieri si svilupperanno in comportamenti sacrificali. Non proteggerà i propri valori e beni, pensando che non ne sia degno.

La frase corretta: “Vuoi lasciare che questo bambino giochi un po ‘con il tuo giocattolo?” “Ti va scambiare con il tuo amico un giochino’?” Offri a tuo figlio l’opportunità di gestire le proprie cose da solo. Se è contrario alla condivisione, non insistere.

“Chi ti ha insegnato questo?” (a proposito di una malizia)

Sentendo questo, il bambino pensa: “I miei genitori non sanno che mi è venuto in mente di fare ciò senza che nessuno me lo abbia suggerito.” Un bambino del genere penserà che può resterà impunito, dopo aver dato la colpa sugli altri.

La frase corretta: “Perché l’hai fatto?” Questo ti aiuterà a scoprire se il bambino lo ha fatto da solo o su incoraggiamento di qualcuno. Dagli l’opportunità di spiegare le sue azioni.

“Guarda quanto è bravo quel bambino.”

Sentendo questo, il bambino pensa: “Sono peggio degli altri. Non ha senso fare il bravo, tanto gli altri lo sono più di me”. Il confronto con gli altri influisce negativamente sull’autostima del bambino, facendogli pensare che non riuscirà mai a ottenere nulla.

La frase corretta: “Ti voglio bene. Puoi farlo anche tu“. Indica le capacità di tuo figlio e dimostra che credi in lui. Ricorda, tuo figlio è unico e ha i suoi talenti.

“Parleremo a casa”.

Sentendo questo, il bambino pensa: “I miei genitori potrebbero picchiarmi. Non gli piaccio. Non voglio andare a casa“. I genitori saranno considerati poco amorevoli ma minacciosi e la casa diventa un luogo in cui il bambino si aspetta una punizione.

La frase corretta: “quello che hai fatto non è corretto e sono arrabbiata” Sentendo il tuo punto di vista, il bambino imparerà a tenere conto dei tuoi sentimenti quando mediterà sulle sue azioni future.

“Sei troppo piccolo per sapere queste cose.”

Sentendo ciò, il bambino penserà: “Voglio sapere. Chiederò a qualcun altro!” Se tuo figlio ti pone domande scomode ma non riceve informazioni, le riceverà da altre fonti – molto meno competenti.

La frase corretta: “Non sono pronto a rispondere ora. Ho bisogno di un po ‘di tempo“.  Se ti fa una domanda, prova a rispondere. In questo modo rimarrai un’autorità nei suoi occhi e non perderà la sua fiducia.


error: Contenuto protetto da Copyright