Scopri se ti spetta una tredicesima più alta sulla pensione 2021: importanti novità quest’anno!


Arriva il periodo più bello dell’anno: il Natale e la tredicesima. I pensionati e anche i lavoratori, attendono con ansia questa mensilità extra,  da spendere per il regali per amici e parenti  o semplicemente per mettere da parte qualche spicciolo in questo periodo di crisi.

Il pagamento della tredicesima coinciderà con la l’assegno pensionistico di Dicembre che, anche quest’anno sarà pagato a Novembre, presumibilmente da giorno 25 (data da confermare ancora).

Il pagamento delle pensioni Inps ed Ex-Inpdap invece avverrà il giorno 1 Dicembre 2021 (mercoledì 1 Dicembre 2021) per chi riscuote gli importi negli Istituti di Credito.

Che cos’è la tredicesima?

La tredicesima mensilità (più comunemente conosciuta come tredicesima), in origine conosciuta anche come gratifica natalizia, è una mensilità aggiuntiva natalizia erogata come retribuzione ai lavoratori dipendenti e ai titolari di pensione.

Viene erogata in busta paga nel mese di dicembre ai lavoratori dipendenti con contratto a tempo determinato o indeterminato, nel periodo antecedente alle festività natalizie.

Essendo antecedente al periodo natalizio riveste una grande importanza sull’andamento dei consumi nel mese di dicembre e sulle spese per i regali.

Tredicesima più ricca nel 2021🎁

A dicembre sarà pagata la tredicesima ai pensionati. Da quest’anno ci sono importanti novità sui pagamenti rispetto al passato.

Chi è andato in pensione durante il 2021 potrebbe non prendere la tredicesima completa, ma solo una parte. Si tratta del così detto rateo, calcolato dalla data di liquidazione della pensione fino al 31 dicembre.

N.B: Calcolare la tredicesima è facilissimo: se si è pensionati da più di un anno, l’importo della tredicesima equivale al doppio dell’importo della pensione. Se si è pensionati da meno di 12 mesi, l’importo sarà calcolato sui mesi di pensione maturata.

Novità 

Detto questo, è utile sapere che quest’anno la tredicesima di pensione sarà un po’ più alta. Questo per effetto di una diversa distribuzione della tassazione Irpef a valere sull’importo annuale spettante.

Come meglio spiegato dal Inps, col messaggio numero 1359 del 31 marzo 2021, da quest’anno il calcolo delle ritenute Irpef è impostato, non più su 12 mensilità ma su 13, includendo anche la tredicesima mensilità

In altre parole, il pensionato da quest’anno paga l’Irpef in maniera omogenea tutti i mesi. Mentre prima era pagata solo su 12 mesi e al momento della erogazione dell’ultima mensilità e della tredicesima insieme scattava una trattenuta Irpef più elevata a dicembre.

Questo diverso calcolo non incide sull’importo annuo Irpef complessivamente dovuto dal pensionato. Resta invariato, ma assicura che la tassazione gravante sulla tredicesima mensilità sia uguale a quella delle altre dodici.

Come espresso dall’INPS: Il pensionato pagherà più imposte nei cedolini da Gennaio a Dicembre (escluso l’importo della tredicesima), per poi ritrovarsi una tredicesima più alta nel mese di dicembre.

Anche i pensionati invalidi civili riceveranno la tredicesima nel mese di Dicembre 2021, con la maggiorazione della finanziaria 2002, per chi ha avuto diritto all’aumento al milione.

Come consultare il cedolino

Per visualizzare il Cedolino della Pensione di Dicembre 2021 (non appena disponibile), vi sono due modalità semplici ed efficaci:

1- Entrando sul sito dell’INPS, una volta immesse le proprie credenziali di accesso, è possibile dirigersi su Fascicolo Previdenziale del Cittadino, cliccando poi su Prestazioni ed infine su Pagamenti.

Bisognerà cliccare sulla voce PENSIONE e si potrà visualizzare la rata 12 (relativa al Cedolino di Dicembre 2021) – Cliccando sulla “rata 12” infine, si avrà l’opportunità di visualizzare tutte le voci che compongono il nuovo pagamento della tredicesima mensilità.


error: Contenuto protetto da Copyright