Eithan è tornato a casa e conosce tutta la verità: sa della tragedia e di quanto è accaduto


Il piccolo Eitan, unico sopravvissuto alla strage del Mottarone, sta bene ed è stato dimesso. Poche ore prima di lasciare l’ospedale però, i parenti, in collaborazione con un team di psicologi, hanno svelato al bambino il tragico destino toccato ai suoi genitori, al fratello, ai nonni, a tutti quelli che si trovavano sulla funivia. Lui ricorda poco dell’impatto della funivia sul suolo.

Eithan ritorna a casa dopo l’amara verità

Questa mattina presto il piccolo Eitan, unico sopravvissuto della tragedia della funivia Stresa-Mottarone, è stato dimesso dal reparto Isola di Margherita dell’ospedale Regina Margherita. Il bambino è tornato in ambulanza a casa a Pavia accompagnato dalla zia. Le sue condizioni di salute sono migliorate e ha avuto una ripresa sorprendente.

Il piccolo continuerà ad essere assistito a domicilio da un gruppo di medici e assistenti sociali.

Eitan sa ormai tutto della tragedia della funivia Stresa-Mottarone, costata la vita a 14 persone tra cui i suoi familiari: i genitori, il fratellino e i bisnonni. Dopo il suo trasferimento dalla rianimazione a un normale reparto di degenza, il bambino è stato seguito da un team di psicologi ed esperti che con calma e delicatezza gli hanno spiegato quanto accaduto.

Da Israele, Paese d’origine della famiglia di Eitan, nei giorni scorsi è arrivato a Torino, insieme ad altri parenti, Nadav Biran, fratello di Amit e Aya. Ed è con una lettera che la zia Aya ha voluto salutare per l’ultima volta la sua famiglia: “Mio Amit, mio piccolo fratellino, mia amata Tal-Tal e nostro Tomi-Tom. Non ho parole per descrivere quanto ci mancherete. Quando ci avete raggiunto a Pavia, Eitan aveva solo un mese, le mie bimbe due e 18 mesi. Per la prima volta da anni abbiamo avuto una famiglia in Italia”. “Abbiamo condiviso – si legge nella lettera – la crescita dei bambini, li abbiamo allattati insieme, visti sviluppare l’armonia che c’è tra due fratelli. Sapevamo che ci saremmo sempre stati gli uni per gli altri”.

Eithan rimarrà sotto il controllo del giudice tutelare prima della decisione sull’affido come ha spiegato l’avvocatessa della famiglia, Cristina Pagni. Per il bimbo, unico sopravvissuto della Funivia del Mottarone probabilmente il futuro sarà in Israele con i parenti. “Il desiderio dei suoi genitori Era di tornare in Israele e farlo crescere li” hanno spiegato infatti gli zii e i nonni. “Faremo di tutto perché i desideri di mio fratello e sua moglie per Eitan si realizzino” aveva spiegato la zia Aya in una lettera.


error: Contenuto protetto da Copyright