Lascia il figlio di 5 mesi da solo nella loro casa gelida per andare dall’amica a tingersi i capelli: il piccolo muore assiderato


L’Ucraina è ancora sotto shock per quanto accaduto: una madre ha lasciato il suo bambino di 5 mesi, in casa da solo, per recarsi da un’amica che le avrebbe tinto i capelli. La casa, senza elettricità e non riscaldata, aveva una temperatura interna di -4 gradi e per questo motivo, il neonato è morto assiderato.

Insieme al bambino, la 28enne ha lasciato in casa anche la sorellina di 2 anni, che è riuscita a sopravvivere, coprendosi autonomamente.

Lascia il figlio di 5 mesi solo in casa: il piccolo muore di freddo

Una vicenda drammatica quella che arriva dalla città di Kamianka-Dniprovska, nel sud dell’Ucraina.

Una ragazza di 28 anni, identificata con il nome di Yulia, madre di due bambini di 2 anni e 5 mesi, è finita in carcere con l’accusa di omicidio.

I medici del 118 hanno esaminato il bambino e hanno concluso che il neonato era morto alcune ore prima del loro arrivo.

Secondo i rapporti, Yulia si era recata da un’amica della porta accanto mentre suo figlio dormiva.

Ecco cosa ha riferito la donna alla polizia: “Ho dato da mangiare ai bambini e li ho messi a letto. Poi sono andata da un’amica per lisciarmi e tingermi i capelli. Quando sono tornata a casa, ho trovato mio figlio morto.”

Secondo quanto riferito, Yulia ha detto alla polizia che non ha usato la stufa a legna per riscaldare la casa prima di andare via
L’amica, di nome Olena, ha confermato il racconto di Yulia.

Ha detto: “Abbiamo comprato sei litri di birra. Li abbiamo bevuti. Poi è andata a casa. “

Le autorità stanno indagando sul caso identificandolo come omicidio.

La portavoce della polizia Olga Zinchenko ha dichiarato: “La madre ei suoi due figli vivevano in condizioni estremamente antigeniche senza un sistema di riscaldamento centralizzato ed elettricità.

Sono in corso esami legali sul corpo per determinare la causa esatta della morte del bambino.”

La madre rischia fino a 15 anni di carcere se giudicata colpevole e condannata.


error: Contenuto protetto da Copyright