Multe da 450 euro per chi lascia per strada guanti e mascherine: inizia la guerra contro l’inciviltà


A causa del Coronavirus i rifiuti per strada sono aumentati a dismisura: nei pressi di supermercati e non solo, si trovano guanti e mascherine abbandonati a terra, senza alcun rispetto per chi invece, usa gli appositi contenitori per liberarsi di questi materiali di rifiuto che oltretutto potrebbero essere infetti.

Il primo comune che ha deciso di dichiarare guerra agli “sporcaccioni incili” è Nardò, in Puglia, attuando una politica poco permissiva: multa di 450 per chi lascia per strada guanti e mascherine e viene colto sul fatto.

In una nuova ordinanza sono previste multe da 75 a 450 euro per i trasgressori: “Un problema non solo dal punto di vista della pulizia e del decoro ma teoricamente anche un rischio per la salute per un ipotetico contagio”.

In Puglia il sindaco di Nardò ha detto basta a chi abbandona guanti monouso e mascherine, utilizzate per l’emergenza Coronavirus, per strada. I trasgressori rischiano un multa sino a 450 euro, secondo quanto previsto dall’ordinanza firmata nelle scorse ore dal primo cittadino Pippi Mellone. Una decisione presa per fermare quello che l’amministrazione locale ha definito uno scempio, una vera e propria “guerra contro gli sporcaccioni”, con centinaia di dispositivi di sicurezza usati e poi lasciati per terra nei giorni scorsi nei pressi dei supermercati e di altri punti vendita. “Un problema non solo dal punto di vista della pulizia e del decoro – ha spiegato l’assessore all’Ambiente Mino Natalizio – ma teoricamente anche un rischio per la salute per un ipotetico contagio”.

La nuova ordinanza stabilisce che, salvo il fatto che non costituisca reato, chiunque abbandoni dispositivi di protezione individuale sul suolo pubblico, lungo le strade o nelle campagne, è punito con una multa che va da un minimo di 75 a un massimo di 450 euro.

Lo stesso provvedimento ricorda che il corretto smaltimento dei dispositivi di sicurezza, come indicato dall’Istituto Superiore della Sanità, deve avvenire con le modalità dei rifiuti indifferenziati, avendo cura di avvolgere preventivamente gli stessi in uno o più sacchetti di plastica ben chiusi prima di riporli nel contenitore per il conferimento, che lo stesso Comune si impegna ad installare nell’intero territorio di competenza.

Tutto ci porta a pensare – ha aggiunto l’Assessore Natalizio – che per molto tempo saremo costretti a usare guanti e mascherine per prevenire il contagio da Covid-19. Per cui un provvedimento che ci consenta di scoraggiare il fenomeno dell’abbandono indiscriminato e di indurre le alcune persone a comportamenti più civili e di buon senso, ci è sembrato doveroso. Polizia Locale e ispettori ambientali vigileranno su questi deprecabili comportamenti”.


error: Contenuto protetto da Copyright