“Mi scusi, posso sedermi qui?” Poi il gesto choc dello straniero


Terrificante gesto avvenuto in un treno con destinazione Avezzano.

Una donna era da poco salita sul treno da Roma per raggiungere la sua città d’origine. Dopo aver riposto i bagagli, ha chiesto ad un uomo seduto di poter accomodarsi accanto. L’uomo, 28enne, straniero, ha accolto di buon grado la donna e poi ha eseguito l’orribile gesto, violentandola in pieno giorno nel vagone vuoto. La donna è riuscita a chiamare aiuto e l’uomo si è dato alla fuga. Nel dettaglio.

Choc in treno

La percezione di sicurezza in Italia non è elevata e lo dimostrano i numerosi casi di cronaca quotidiani. Tra gli ultimi c’è una violenza sessuale perpetrata ai danni di una donna di 67 anni a bordo di un treno sulla linea Roma-Avezzano nella giornata di venerdì 7 agosto, in pieno giorno, da parte di un cittadino straniero di 28 anni.

L’uomo, dopo aver chiesto se poteva prendere posto vicino a lei ha viaggiato insieme alla donna per un tratto. Tra loro c’era la cordialità normale che spesso si instaura con gli altri passeggeri del proprio vagone. I due hanno chiacchierato normalmente e così l’uomo è riuscito a conquistare la fiducia della passeggera. Nulla lasciava presagire quello che sarebbe successo da lì a pochi minuti. Quella che sembrava una semplice conoscenza di circostanza tra vicini di posto è diventata un vero incubo per la donna, perché nel momento in cui il vagone è sceso l’ultimo passeggero oltre a loro due, il ragazzo si è scagliato contro di lei per esercitare la violenza. Tutto questo è accaduto in pieno giorno, attorno alle 10 del mattino e a bordo del treno.

La sicurezza sui mezzi pubblici diventa sempre meno e sono sempre di più gli stranieri che compiono gesti di violenza e aggressione. Facciamo attenzione!

Ti potrebbe anche interessare:


error: Contenuto protetto da Copyright