Infermiera, poco prima di morire confessa: “Perdonatemi, ho scambiato 5.000 neonati per divertimento”


Assurda vicenda giunge dalla Zambia, precisamente dall’ospedale di Lusaka, dove era ricoverata l’infermiera che poco prima di morire, ha confessato di aver  scambiato 5mila neonati nelle culle in 12 anni di attività, tra il 1983 e il 1995.

Infermiera prima di morire, confessa l’orrore

L’infermiera, ormai sul punto di morte, avendo un tumore allo stadio terminale, avrebbe confessato l’orrore da lei provocato durante la sua carriera di infermiera presso il reparto di ginecologia e maternità.

La donna, secondo il suo racconto di alcuni giornali del paese, avrebbe scambiato i bambini “per divertimento” tra il 1983 e il 1995, beffando migliaia di mamme. Avrebbe così dichiarato: “Possa Dio perdonarmi per i miei peccati. L’ho fatto per divertirmi.

La donna avrebbe poi continuato dicendo: “Ho un cancro terminale e so che presto morirò. Nei 12 anni in cui ho lavorato al reparto maternità dell’University Teaching Hospital, ho scambiato 5mila bambini. Se siete nati tra il 1983 e il 1995, è possibile che i vostri genitori non siano quelli veri. Date un’occhiata ai vostri fratelli e cercate di capire. Vi prego di perdonarmi“.

La vicenda è comunque stata presa sul serio dalle autorità del paese che hanno avviato un’approfondita indagine per fare piena luce.

Intervistata da un giornale zambiano, l’infermiera ha dichiarato:

Ho trovato Dio e sono rinata, e quindi non voglio più nascondere nulla: nei 12 anni in cui ho lavorato come infermiera al reparto Maternità dell’UTH ho scambiato nelle loro culle circa 5mila neonati”.

Chiedo anche agli zambiani di perdonarmi per tutto il male che ho fatto a bambini innocenti. Ho provocato il divorzio di alcune coppie che, sebbene fossero fedeli, hanno pensato a un tradimento dopo il test del DNA. Ho fatto allattare a molte madri figli non loro”.

Scambiavo i bambini per farmi due risate. Quindi se tutti i vostri fratelli e sorelle hanno la pelle molto scura e voi ce l’avete più chiara, è probabile che vi abbia scambiato io, e mi dispiace molto per questo“.

Una storia che lascia senza parole: dopo la morte dell’infermiera proseguiranno le indagini per comprendere se l’infermiera ha dichiarato il vero o se si tratta soltanto di un atteggiamento da mitomane. Se le indagini produrranno prove reali, le famiglie seguiranno un iter per ritrovare i veri figli naturali.

Dai un occhiata alle nostre ultime notizie, che potrai leggere  👉QUI


error: Contenuto protetto da Copyright