Denise, 90 anni, muore dopo aver rifiutato il posto in terapia intensiva per lasciarlo a pazienti più giovani


Non sono stati né il suo vecchio tumore quasi guarito, né l’insufficienza cardiaca, né l’età avanzata a impedire l’ammissione in rianimazione. È lei ad avere preso la decisione di non entrare, ad avere espresso una preferenza. Non voleva occupare l’ultimo posto in reparto, voleva lasciarlo a qualcuno che avrebbe potuto essere suo figlio o suo nipote“, si legge nella lettera pubblicata dai medici su Le Monde.

Nonna Denise ha commosso tutti e i medici, che dopo la sua morte, hanno reso omaggio a questa donna straordinaria tramite una lettera che leggerà lassù tra gli angeli, come lei: aveva 90 anni e quando le sue condizioni si sono aggravate a causa della polmonite da Covid, ha deciso di non entrare in terapia intensiva, ma di lasciarsi morire, offrendo il posto che avrebbe occupato lei a qualcun altro, più giovane, con una vita davanti da vivere. Il suo gesto di generosità ha commosso l’intera Francia.

Tutti ora piangono la signora Denise…

La lettera per nonna Denise

I medici dell’ospedale Saint-Louis di Parigi ricordano in una lettera pubblicata da Le Monde la donna di 90 anni morta dopo aver deciso di non essere sedata e intubata.

Cara signora Denise, non leggerà questa lettera. Né il suo cancro quasi guarito, né l’insufficienza cardiaca, né l’età avanzata le hanno impedito di essere ammessa in rianimazione“, aggiunge l’équipe medica. Denise sa che resta solo un letto in terapia intensiva. E insieme alla famiglia decide di non essere sedata e intubata.

Vi proponiamo il testo completo della lettera:

“Cara Madame Denise.

Non leggerai questa lettera.

Questa lettera è per renderti omaggio, perché conoscerti sarà stato fondamentale nel nostro modo di essere medici. Ti abbiamo pensato spesso da quella sera, quando sei arrivata al pronto soccorso senza fiato, con tutti gli altri segni di infezione da SARS-CoV-2. Né il tuo vecchio cancro quasi guarito, né l’insufficienza cardiaca, né la tua età avanzata hanno impedito il tuo ricovero in terapia intensiva.

Sei tu che hai preso questa decisione, che hai espresso le tue preferenze. Non volevi occupare l’ultimo posto disponibile, volevi lasciarlo ai tuoi figli e nipoti. Avevi bisogno di così tanto ossigeno che volevi essere sicura che bastasse per tutti.

Tu hai preso la decisione migliore, migliore per  te. 

Per molto tempo abbiamo pensato di influenzare il tuo atteggiamento rispondendo alle tue domande. Eppure è vero, quando l’ossigeno non è sufficiente, le macchine per la rianimazione sono lì solo per dare tempo ai polmoni infetti di guarire, ma non sempre guariscono. Nel migliore dei casi, questo ambiente tecnico, sano e talvolta aggressivo lascia conseguenze fisiche e psicologiche prolungate nei pazienti che riescono a riprendersi da malattie respiratorie, ma anche nelle loro famiglie e persone care. Spesso, purtroppo, i pazienti non sopravvivono a questo viaggio e le famiglie in lutto ne restano colpite per molto tempo, a loro volta ammaccate.

Ricordo il nostro incontro, il tuo sguardo, la tua modestia e la tua dignità quando ti ho esaminato sotto l’occhio, preoccupato quando il medico del pronto soccorso mi ha mostrato i tuoi livelli di saturazione. Non ti lamentavi, la tua sofferenza era silenziosa. Abbiamo cercato di capire come modi semplici possono migliorare la tua situazione. Con il mio collega di pronto soccorso, l’infermiera e la badante che ci stavano prendendo cura di te quella sera, ci siamo seduti per un po ‘. Abbiamo cercato insieme di capire la tua situazione dagli elementi oggettivi a nostra disposizione“.

Le parole del figlio

E le parole del figlio, preziose come quelle di Denise: “Parlare con suo figlio è stato prezioso. Abbiamo cercato di lasciarla andare accompagnata dai suoi cari. Non dimenticheremo mai la serenità e la dolcezza dei suoi grandi occhi neri. Non dimenticheremo mai che ci ha chiesto di andare a occuparci del pazienti che avevano qualche possibilità di farcela. Le restavano pochi giorni, ma il sorriso era quello di sempre”. Non si può fare a meno di fermarsi a pensare quello che i dottori e la sociologa scrivono: “La priorità assicurata a un individuo può essere soppiantata dalla priorità data alla collettività, a condizione di preservare i principi fondamentali e i valori dell’assistenza”, prima di salutare Denise: “Grazie ancora per questo incontro così ricco di insegnamenti“.

Denise, raccontano ancora i medici, ha affrontato gli ultimi giorni con una forma di “modestia e dignità” circondata dal figlio e dai nipoti. “Non dimenticheremo mai che ci ha chiesto di andare ad occuparci dei pazienti che avevano la possibilità di farcela. Mancavano pochi giorni alla fine della sua vita, ma il suo sorriso era quello di sempre”.

 

Social-Magazine.it è presente anche su Google News. Leggi tutte le nostre ultime notizie, delle tante categorie, cliccando sull’icona!

 

Se desideri ricevere i nostri aggiornamenti vi e-mail, scrivici ad info@social-magazine.it


error: Contenuto protetto da Copyright